Disturbi del Comportamento Alimentare

Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA)

Sintomi, conseguenze e terapie per Anoressia, Bulimia e Binge Eating Disorder

I disturbi del comportamento alimentare (DCA) - spesso erroneamente chiamati disturbi alimentari - si caratterizzano per l’ossessione costante e opprimente per il proprio peso corporeo, con un conseguente alterazione delle normali abitudini alimentari. È possibile classificare i disturbi del comportamento alimentare (DCA) in tre categorie:

  • Anoressia nervosa: caratterizzata da una paura incontrollata dell’aumento del proprio peso corporeo. Questa paura comporta una riduzione della quantità di cibo ingerita (fino ad arrivare al digiuno) con conseguente dimagrimento visibilmente eccessivo della persona e scompensi organici e psicologici.
  • Bulimia nervosa: la diagnosi del disturbo non è semplice poiché, a differenza dell’anoressia, spesso non si osserva una diminuzione del peso corporeo e la sintomatologia è tenuta nascosta dalla persona che ne soffre. Per poter diagnosticare la bulimia devono essere presenti diversi sintomi che sono:
    1. Ricorrenti episodi di abbuffate: caratterizzati da una ingestione d eccessiva di cibo, più di quella che si ingerirebbe normalmente e da una sensazione di perdita di controllo durante l’episodio;
    2. Comportamenti compensativi: successivamente all’episodio di abbuffata, la persona avverte sensi di colpa per averlo fatto e ricorre a procedure compensative per evitare l’aumento di peso dato dall’abbuffata. Queste possono essere: il vomito autoindotto, una eccessiva attività fisica, il digiuno nei giorni successivi, l’utilizzo di diuretici e lassativi.
  • Binge Eating Disorder: il BED è un disturbo che presenta sintomi simili a quelli descritti fin ora con differenze nella manifestazione. Sono presenti:
    1. Episodi di abbuffate che non sono seguiti da comportamenti compensativi;
    2. Eccessiva paura e pensieri ricorrenti e di natura positiva riguardo la magrezza;
    3. Mancanza, a differenza dei disturbi precedenti, di una dieta ferrea.

Cause dei Disturbi del Comportamento Alimentare

Le cause del disturbo del comportamento alimentare possono essere varie e differenti da persona a persona. La ricerca scientifica ha però sviluppato un modello multifattoriale che spiega la comparsa e il perdurare della patologia attraverso tre principali fattori di rischio:

  1. Il primo è costituito dai fattori predisponenti, fattori definiti anche genetici come ad esempio quelli ambientali (famiglia problematica, contesto poco funzionale), quelli genetici e quelli psicologici (ad esempio la vulnerabilità della persona che sviluppa il disturbo).
  2. Nel secondo modello troviamo i fattori precipitanti, che possono essere eventi o situazioni che provocano l’insorgenza del disturbo. Questi fattori possono essere sia paranormativi come un lutto, una perdita, una separazione, aggressioni, ma anche normativi e non eccessivamente gravi come un fallimento scolastico, la fine di una relazione di amicizia e/o di amore, un cambiamento di scuola.
  3. Infine, abbiamo i fattori di mantenimento che impediscono il ritorno alla normalità. Possono essere definiti come fattori psicologici, fisici e ambientali che mantengono quel circolo vizioso tipico del disturbo.

Altri fattori di rischio che possono incidere sulla manifestazione e il mantenimento del disturbo riguardano la personalità dell’individuo, la sua autostima, le difficoltà interpersonali, l’idea di perfezione da un punto di vista fisico e di performance e anche la presenza di familiari che hanno sofferto o soffrono ancora di un disturbo del comportamento alimentare.

Conseguenze dei Disturbi del Comportamento Alimentare

Le conseguenze del disturbo del comportamento alimentare sono diverse, accomunate tutte da una continua ossessione per il proprio aspetto fisico, la quantità di cibo da ingerire e per l’immagine che si ha di sé. Questo modus operandi porta la persona che soffre di disturbi del comportamento alimentare ad allontanarsi dal mondo sociale, familiare ed interpersonale sia a causa della convinzione di non essere capita, che per nascondere i propri comportamenti che non potrebbe altrimenti spiegare.

Ad esempio, una persona con un disturbo del comportamento alimentare avrà difficoltà ad uscire con amici a cena, poiché non potrà giustificare loro il suo digiuno.

Terapia per Disturbi del Comportamento Alimentare

Tra le più efficaci terapie per i Disturbi del Comportamento Alimentare troviamo la terapia sistemico relazionale e familiare.

Un’alta percentuale di persone che sviluppano un disturbo del comportamento alimentare ha un’età compresa tra 15 e 25 anni, parliamo quindi di adolescenti o giovani adulti che non hanno ancora attuato o stanno attuando un distacco dalla famiglia d’origine. Di conseguenza risulta necessario intervenire da un punto di vista psicologico e comportamentale su sistema familiare e relazionale della persona.

1 - Indagine sui sistemi familiari e relazionali

Durante le prime sedute inizieremo con una indagine sui sistemi familiari, relazionali, lavorativi della persona per comprendere meglio le dinamiche vissute da quest’ultima, cercando di capire se c’è stato un episodio scatenante che ha caratterizzato l’esordio della patologia.

2 - Terapia Sistemico Relazionale

Nelle seduce successive si inizierà il lavoro sulle dinamiche relazionali disfunzionali della persona e sull’incremento delle risorse e abilità che presenta per poter affrontare e superare i pensieri negativi prima di tutto, e dopo i comportamenti. Per questo motivo sarà necessario prendere in terapia tutto il sistema familiare poiché il cambiamento deve riguardare tutto il contesto di vita della persona per poter risultare efficace e duraturo.

Psicologa per i Disturbi Alimentari a Bari

Sei alla ricerca di una psicologa competente in disturbi alimentari a Bari? Non esitare a contattarmi nel modulo qui sotto. Descrivimi il tuo problema o quello della persona che ti preoccupa.

Ti ricontatterò quanto prima e cercheremo insieme una soluzione al tuo problema.

CONTATTI

Raccontami il tuo problema

Cercheremo assieme una soluzione efficace e adatta alla tua persona. Ti ricontatterò immediatamente

Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

  • ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️ Con la dottoressa Fraccascia ho seguito un percorso basato sulla mia esperienza, la dottoressa si è prestata nell’immediato all’ ascolto della mia problematica e alla comprensione della sofferenza, mi ha seguita riflettendo con me, è stata subito pronta a costruire insieme un percorso di autoconsapevolezza e di auto cambiamento. Inoltre la dottoressa mi ha sostenuta, guidata ed accompagnata nel mio viaggio di scoperta cui mi ha portata al benessere, alla risoluzione dei problemi. Mi ha ricevuta in un luogo accogliente per ascolto in assenza di giudizio, in un luogo in cui porsi domande e dubbi senza nessuna interferenza e disturbo; un luogo di cambiamento... eravamo io e lei alla scoperta delle risorse e dei limiti, utili a fronteggiare future situazioni di difficoltà. Inoltre la dottoressa è stata sempre disponibile con gli orari e i giorni di ricevimento. È stata una esperienza unica e davvero bella, perché in fondo un po’ tutti amiamo essere ascoltati e capiti nel momento del bisogno e la dottoressa l’ha fatto nei miei confronti. La ringrazio per la disponibilità mostrata, è stata davvero tanto gentile.
    P.
  • ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️ Comprendere e ammettere di aver bisogno di aiuto, nella società in cui viviamo, è molto difficile e riuscire a farlo è il primo passo nella lunga via verso il proprio benessere. Avere accanto la Dottoressa Fraccascia mi sta aiutando a non prendere strade sbagliate e a tenere bene a mente l'importanza della meta.
    Nicola M.
  • ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️ Ho sempre avuto dubbi nei confronti degli psicologi, ma ho dovuto ricredermi con la Dott.ssa Fraccascia. Con la sua professionalità, gentilezza ed empatia mi ha aiutato a capire e in seguito gestire, alcune difficoltà che vivevo nel rapporto con i miei genitori e le mie sorelle. Grazie ancora per tutto.
    Francesca A.
  • ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️ Ho conosciuto la Dott.ssa Fraccascia grazie all'associazione di cui faccio parte. Con lei ho affrontato alcuni problemi e pensieri che da sempre mi attanagliavano e che si erano intensificati in un periodo difficile della mia vita. Ho trovato una persona competente, di grande empatia, che mi ha saputo aiutare in un momento non semplice. La ringrazio per il lavoro fatto assieme.
    Emile A.

Studio Psicologa Bari

 

Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA)

Sintomi, conseguenze e terapie per Anoressia, Bulimia e Binge Eating Disorder

I disturbi del comportamento alimentare (DCA) – spesso erroneamente chiamati disturbi alimentari – si caratterizzano per l’ossessione costante e opprimente per il proprio peso corporeo, con un conseguente alterazione delle normali abitudini alimentari. È possibile classificare i disturbi del comportamento alimentare (DCA) in tre categorie:

  • Anoressia nervosa: caratterizzata da una paura incontrollata dell’aumento del proprio peso corporeo. Questa paura comporta una riduzione della quantità di cibo ingerita (fino ad arrivare al digiuno) con conseguente dimagrimento visibilmente eccessivo della persona e scompensi organici e psicologici.
  • Bulimia nervosa: la diagnosi del disturbo non è semplice poiché, a differenza dell’anoressia, spesso non si osserva una diminuzione del peso corporeo e la sintomatologia è tenuta nascosta dalla persona che ne soffre. Per poter diagnosticare la bulimia devono essere presenti diversi sintomi che sono:
    1. Ricorrenti episodi di abbuffate: caratterizzati da una ingestione d eccessiva di cibo, più di quella che si ingerirebbe normalmente e da una sensazione di perdita di controllo durante l’episodio;
    2. Comportamenti compensativi: successivamente all’episodio di abbuffata, la persona avverte sensi di colpa per averlo fatto e ricorre a procedure compensative per evitare l’aumento di peso dato dall’abbuffata. Queste possono essere: il vomito autoindotto, una eccessiva attività fisica, il digiuno nei giorni successivi, l’utilizzo di diuretici e lassativi.
  • Binge Eating Disorder: il BED è un disturbo che presenta sintomi simili a quelli descritti fin ora con differenze nella manifestazione. Sono presenti:
    1. Episodi di abbuffate che non sono seguiti da comportamenti compensativi;
    2. Eccessiva paura e pensieri ricorrenti e di natura positiva riguardo la magrezza;
    3. Mancanza, a differenza dei disturbi precedenti, di una dieta ferrea.

Cause dei Disturbi del Comportamento Alimentare

Le cause del disturbo del comportamento alimentare possono essere varie e differenti da persona a persona. La ricerca scientifica ha però sviluppato un modello multifattoriale che spiega la comparsa e il perdurare della patologia attraverso tre principali fattori di rischio:

  1. Il primo è costituito dai fattori predisponenti, fattori definiti anche genetici come ad esempio quelli ambientali (famiglia problematica, contesto poco funzionale), quelli genetici e quelli psicologici (ad esempio la vulnerabilità della persona che sviluppa il disturbo).
  2. Nel secondo modello troviamo i fattori precipitanti, che possono essere eventi o situazioni che provocano l’insorgenza del disturbo. Questi fattori possono essere sia paranormativi come un lutto, una perdita, una separazione, aggressioni, ma anche normativi e non eccessivamente gravi come un fallimento scolastico, la fine di una relazione di amicizia e/o di amore, un cambiamento di scuola.
  3. Infine, abbiamo i fattori di mantenimento che impediscono il ritorno alla normalità. Possono essere definiti come fattori psicologici, fisici e ambientali che mantengono quel circolo vizioso tipico del disturbo.

Altri fattori di rischio che possono incidere sulla manifestazione e il mantenimento del disturbo riguardano la personalità dell’individuo, la sua autostima, le difficoltà interpersonali, l’idea di perfezione da un punto di vista fisico e di performance e anche la presenza di familiari che hanno sofferto o soffrono ancora di un disturbo del comportamento alimentare.

Conseguenze dei Disturbi del Comportamento Alimentare

Le conseguenze del disturbo del comportamento alimentare sono diverse, accomunate tutte da una continua ossessione per il proprio aspetto fisico, la quantità di cibo da ingerire e per l’immagine che si ha di sé. Questo modus operandi porta la persona che soffre di disturbi del comportamento alimentare ad allontanarsi dal mondo sociale, familiare ed interpersonale sia a causa della convinzione di non essere capita, che per nascondere i propri comportamenti che non potrebbe altrimenti spiegare.

Ad esempio, una persona con un disturbo del comportamento alimentare avrà difficoltà ad uscire con amici a cena, poiché non potrà giustificare loro il suo digiuno.

Terapia per Disturbi del Comportamento Alimentare

Tra le più efficaci terapie per i Disturbi del Comportamento Alimentare troviamo la terapia sistemico relazionale e familiare.

Un’alta percentuale di persone che sviluppano un disturbo del comportamento alimentare ha un’età compresa tra 15 e 25 anni, parliamo quindi di adolescenti o giovani adulti che non hanno ancora attuato o stanno attuando un distacco dalla famiglia d’origine. Di conseguenza risulta necessario intervenire da un punto di vista psicologico e comportamentale su sistema familiare e relazionale della persona.

1 – Indagine sui sistemi familiari e relazionali

Durante le prime sedute inizieremo con una indagine sui sistemi familiari, relazionali, lavorativi della persona per comprendere meglio le dinamiche vissute da quest’ultima, cercando di capire se c’è stato un episodio scatenante che ha caratterizzato l’esordio della patologia.

2 – Terapia Sistemico Relazionale

Nelle seduce successive si inizierà il lavoro sulle dinamiche relazionali disfunzionali della persona e sull’incremento delle risorse e abilità che presenta per poter affrontare e superare i pensieri negativi prima di tutto, e dopo i comportamenti. Per questo motivo sarà necessario prendere in terapia tutto il sistema familiare poiché il cambiamento deve riguardare tutto il contesto di vita della persona per poter risultare efficace e duraturo.

Psicologa per i Disturbi Alimentari a Bari

Sei alla ricerca di una psicologa competente in disturbi alimentari a Bari? Non esitare a contattarmi nel modulo qui sotto. Descrivimi il tuo problema o quello della persona che ti preoccupa.

Ti ricontatterò quanto prima e cercheremo insieme una soluzione al tuo problema.

Contatti

CONTATTI

Raccontami il tuo problema

Cercheremo assieme una soluzione efficace e adatta alla tua persona. Ti ricontatterò immediatamente

titolo-hp

Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

no-repeat;left top;;

auto

form-centered

Bottone Chiamami

CHIAMAMI 331 889 80 19

btn-chiamami

generiche

date

DESC

single-photo

41.11618

16.88371

15

450

ROADMAP

Studio Psicologa Bari

Via Caldarola 12 G, Bari (Quartiere Japigia)

+39 331 8898019

info@psicologafraccascia.it

box

STAFF

CHI SONO

titolo-hp

Dott.ssa Fraccascia

h3

Psicologa a Bari esperta in Terapia Sistemico Relazionale, in sostegno delle malattie croniche come il Diabete di tipo1 e tecnico comportamentale ABA. Sono registrata all’Ordine degli Psicologi della Puglia N. 5860 .

Clicca qui per maggiori informazioni

icon-lamp

top

https://www.psicologafraccascia.it/greta-fraccascia

Bottone Contattaci